Danzare e’ vivere

Ho scoperto di essere malato di danza quando avevo 5 anni.

L’incurabile, irrefrenabile tendenza a far vibrare i miei muscoli a seconda dei suoni che circoscrivono l’ambiente: una divina mania.

Danzi e si apre il mondo ai tuoi piedi, danzi e scolpisci l’aria con fervore e dolore, quando si danza si emanano comandi, si raddrizza l’anima di chi guarda e si indaga in se stessi, si danza come se ogni passo stesse cercando una verita’ o la verita' del tempo e del momento.

E le risposte la danza le sa dare? Si…facendomi dimenticare quale siano le domande. Danzare perche' il momento e’ qui, come il presente, come il vivere.

Non abbiamo un dopo o un domani, un forse, la danza e’ elettricita’ che tiene in vita la memoria, e’ l’eterno presente del bello che non passa.

Danzare e’ manutenere il proprio corpo, cucendolo attorno allo spirito che lo popola. Il potere della danza e’ il tormento. Di una vita che passa, dello sfiorire di un sogno, di un amore dissanguato o semplicemente di cio’ che non sappiamo cosa essere ma che ci manca e che solo la danza sa scoprire.

Get in touch

Per webinar, lezioni one-to-one e collaborazioni

Follow me

Copyright © Created by Somnuvanitas
Privacy Policy

Cerca